Per l’OMI prosegue la crescita del residenziale italiano

Qualche giorno fa l’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli ultimi aggiornamenti sull’andamento del settore residenziale del nostro Paese, certificando la nuova accelerazione nel secondo trimestre 2022: in tale quarto, infatti, il tasso tendenziale delle compravendite è cresciuto dell’8,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, favorendo circa 219 mila operazioni di compravendita abitativa, 17 mila in più rispetto al 2021.

Continua a leggere Per l’OMI prosegue la crescita del residenziale italiano

Casa senza agibilità: è possibile acquistarla?

Il certificato di agibilità è un attestato che documenta la sussistenza dei necessari standard di sicurezza tecnica e igienico-sanitaria di un immobile, garantendo le parti che in fase di costruzione e di successivo eventuale intervento siano state osservate tutte le prescrizioni di legge.

In altre parole, l’agibilità rappresenta la caratteristica principale dell’immobile e, per questo motivo, la sua mancanza rende un bene non godibile. Ecco perché l’agibilità deve essere sempre richiesta, per qualsiasi immobile, a prescindere dall’uso concreto che si intende fare dell’immobile.

L’assenza di agibilità nel contratto preliminare

Ma che cosa accade se il certificato di agibilità non è presente e sono state comunque avviate delle procedure di compravendita dell’immobile?

In questo ambito è bene sottolineare come l’acquirente sia tutelato in modo completo nel caso in cui la trattativa immobiliare sia ancora nelle prime fasi e, magari, si sia giunti alla firma del contratto preliminare di compravendita.

Di fatti, nel caso di sottoscrizione del contratto preliminare senza che il venditore abbia presentato o ottenuto un certificato di agibilità costituisce a tutti gli effetti una causa della risoluzione del preliminare. Dunque, il compratore può in queste ipotesi ben rifiutarsi di sottoscrivere il contratto definitivo, conseguendo eventualmente il rimborso della caparra e dell’anticipo già versati.

Cosa succede se si vende casa senza agibilità?

E se si è compiuto un passo successivo e, dunque, si è cercato di vendere casa senza certificato di agibilità?

Come sancito più volte dalla giurisprudenza, un immobile privo di certificato di agibilità non è commerciabile. Dunque, vendere un immobile senza la dovuta certificazione potrebbe comportare a sgradite conseguenze per il venditore, considerato che l’acquirente può intervenire a tutela dei propri interessi:

  • attraverso la richiesta del risarcimento del danno, dimostrando e quantificando i pregiudizi subiti a causa dell’acquisto di un immobile privo dell’agibilità
  • mediante la richiesta dello scioglimento del contratto di compravendita e il conseguente annullamento degli effetti che sono ad esso ricollegati. Al buon esito di tale azione l’immobile tornerà di proprietà del venditore, a cui spetteranno gli oneri di restituire all’acquirente ogni somma che questi abbia versato in relazione alla compravendita.

Entro quanto far valere i propri interessi

Il compratore ha dieci anni di tempo per far valere i propri diritti ricorrendo contro l’acquisto immobiliare avvenuto senza presentazione del certificato di agibilità. Dunque, ha un decennio di tempo per domandare lo scioglimento del contratto o il risarcimento del danno, o fare richiesta di entrambe le iniziative.

Proprio per evitare qualsiasi tipo di pregiudizio in tal senso, è fondamentale affidarsi, fin dalle prime fasi della trattativa, alla consulenza di un agente immobiliare che possa supportare l’acquirente e il venditore verso una compravendita più serena.

Se vuoi saperne di più su cosa siamo in grado di fare per permetterti di concludere rapidamente e alle migliori condizioni il tuo progetto immobiliare, contattaci!

una mano tiene una chiave di una casa da provenienza donativa

Vendere casa da provenienza donativa: come fare?

La provenienza donativa di un immobile è requisito che di frequente preoccupa venditori, compratori e banche. Questi temono le conseguenze che potrebbero derivare da una simile transazione, apponendo dei sostanziali limiti alla circolazione dei beni.

Ma è davvero così pericolosa la vendita di un immobile da provenienza donativa? Come ci si può tutelare contro l’azione dei legittimari?

Continua a leggere Vendere casa da provenienza donativa: come fare?
Cos’è un’analisi comparativa del mercato immobiliare

Cos’è un’analisi comparativa del mercato immobiliare

Nel momento in cui ci si avvicina all’acquisto o alla vendita di un appartamento, individuare con ragionevolezza quanto proporre o quanto chiedere è una decisione molto difficile. D’altronde, sono numerosi i fattori che possono concorrere a determinare il valore della casa e stabilire come essi agiscano per la stima finale del prezzo dell’abitazione è compito piuttosto arduo.

Continua a leggere Cos’è un’analisi comparativa del mercato immobiliare